Internet strumento per lo sviluppo e l'esercizio dei diritti umani

Lo sviluppo dei diritti umani ed il loro esercizio in internet

Internet è uno strumento accessibile in molte parti del mondo, ma non in tutte e soprattutto non in egual misura per tutti.

Internet è una piattaforma che, per il modo in cui è stata creata e commercializzata, lascia le porte aperte sull'intero mondo per chiunque abbia voglia di ascoltare ed apprendere da culture diverse.

Il fatto stesso che le persone si incontrino in vari ambienti per discutere, confrontarsi su varie tematiche rende internet il luogo fertile per lo sviluppo di idee differente dalla propria cultura.

L'incontro tra culture diverse, infatti, genera un nuovo modo di pensare più aperto da parte di tutti i partecipanti. Tutti apprendono da tutti.

Il fatto principale, è che ogni persona ha un cervello suo ed un pensiero suo, quindi nel momento in cui ascolta, pensa ed elabora i contenuti secondo la propria cultura.

Lo sviluppo dei diritti umani parte da questo fatto, da quel pensiero che scaturisce una situazione o una discussione, l'interessato comincia a pensare “è realmente giusto ciò che mi succede? La legge che hanno fatto nel mio paese? La situazione economica del mio paese?” (e così via per le più svariate domande e risposte che qualcuno possa darsi).

L'esistenza del dubbio apre la possibilità di sviluppare una coscienza mondiale e non soltanto legata al proprio paese di origine, altrimenti detto “orticello di casa mia”.

Scoperto che esistono diversi diritti e che i diritti umani non appartengono solo ad uno specifico popolo, le persone cominciano a chiedere i propri diritti.

Internet è lo strumento ideale per la divulgazione di ingiustizie e violazioni dei diritti umani, poiché può avere ampio raggio di azione tramite i social network, i vari motori di ricerca o i mass media.

L'esercizio dei propri diritti fondamentali, implica che via sia una connessione internet attiva, neutrale e che si lasci libera interpretazione dei propri pensieri senza che essi sfocino in parole inadeguate, ossia che si segua la netiquette.

Infatti, molto spesso accade che per esercitare i propri diritti ci si dimentichi di darli agli altri. Per esempio, in molti pensano di entrare in internet e poter dire tutto ciò che gli passa nella testa, che siano insulti a sfondo sessista, razzista o di altro genere. Vero i diritti fondamentali dell'uomo dicono che puoi pensare e dire tutto ciò che vuoi, non dicono però di insultare gli altri per far valere questo tuo diritto.

E nemmeno la netiquette lo dice. La faciloneria con cui questo accade purtroppo è sempre più palpabile all'interno di internet. Molti dichiarano che tutti hanno il diritto di pensare e dire ciò che vogliono, ma osservando i fatti in realtà questa opportunità non viene applicata a tutti e nemmeno fino in fondo da nessuno. Molti perchè pensano più a loro stessi che a coloro con cui parlano. Questo però implica che l'esercizio dei propri diritti è solitamente relegato ai più potenti, a chi ne ha i mezzi e a chi ha molte più conoscenze, mentre chi è una persona semplice e un cittadino comune continuerà a vedere violati i propri diritti umani senza che nessuno se ne occupi.

Tags

Voting

4 votes
Active
Idea No. 5